Foto di Fatima Calabrese - Lotzorai (OG) 2011

venerdì 13 luglio 2012

C'è il colera, ARRANGIATEVI







Pantheon

E' nato il partito del poker

Il giocatore professionista Mario Adinolfi è l'ultimo arrivato alla Cameranelle file del Pd. Ma oltre alla sua abilità con le carte, si è subito distinto tra i colleghi per il modo in cui gira per il Parlamento, con bermuda e flip flop ai piedi

Stupidario

B. non si ricandida, anzi sì

Il Cavaliere sarebbe pronto a riproporsi come presidente del Consiglio per il centro destra, accantonando l'annunciata successione di Angelino Alfano. Eppure in questi mesi aveva giurato il contrario almeno una decina di volte

Economia

'Via l'azienda: ecco perché'

Daniele Stolfo è un imprenditore friulano con un centinaio di dipendenti. Che ha portato la produzione in Austria. Non in Cina o in Romania: in Austria, dove il costo del lavoro è più alto. Perché il vero nemico in Italia, dice, è fatto di burocrazia infinita e infrastrutture penose. Altro che articolo 18

Opinione

Stato-mafia, le inventano tutte

Pur di non ammettere che c'è stata una trattativa con le cosche, ora la chiamano «arretramento tattico». Farebbe ridere, se non sapessimo che Provenzano girava liberamente per l'Italia e che le armi degli inquirenti venivano spuntate una dopo l'altra


Commenta
Povertà

Il posto peggiore del mondo

di Alberto D'Argenzio
E' il Congo: ultimo nella classifica Onu sullo sviluppo umano. Perché non c'è acqua, non c'è elettricità, non ci sono ospedali, non ci sono scuole. E si sta diffondendo il colera
(11 luglio 2012)
Ci proviamo, ma che possiamo fare? Manca l'acqua corrente, l'elettricità ce la fornisce un gruppo elettrogeno che funziona solo tre ore al giorno perché non abbiamo soldi per il carburante e senz'acqua corrente ed elettricità già non si parte bene contro il colera. O contro qualsiasi altra epidemia o malattia». Hervé Bavi è un congolese atletico e deciso, quando parla allarga ma non abbassa le braccia, non si dà per vinto anche se giorno dopo giorno combatte una battaglia quasi impossibile: fare il medico a Tchomia, villaggio affacciato sul bordo congolese del lago Alberto. Di fronte l'Uganda, che sembra la Svizzera. Bavi, 33 anni e una laurea in medicina in tasca, dal 2010 dirige l'ospedale del villaggio, l'unico per le 100 mila persone sparse in questo lembo nord-orientale dell'immensa Repubblica democratica del Congo. Il Congo Rdc è l'ultimo paese nella classifica Onu sullo sviluppo umano, 187esimo su 187.Mancano ospedali, scuole, strade, reti elettriche ed idriche. Manca tutto.

Da gennaio Tchomia, nella provincia dell'Ituri, è al centro di un'epidemia di colera: oltre 19 mila casi riconosciuti e circa 400 decessi in tutto il Paese. «Il colera si combatte con l'igiene, acqua potabile e strutture sanitarie efficienti, da noi manca praticamente tutto», riassume Bavi. L'acqua va presa in un pozzo che serve tutto il villaggio, 10 mila persone. Per le pulizie dei reparti e della sala operatoria si usa quella del lago Alberto, un lago pescosissimo e, si è scoperto recentemente, anche assai ricco di petrolio. «Per il 2015», spiega Bavi: «E' previsto l'inizio dello sfruttamento dei giacimenti, la comunità chiede che parte dei profitti vengano investiti in zona, in infrastrutture sanitarie e scolastiche, strade, rete idrica ed elettrica, fabbriche per la pesca industriale, ma il governo dice che i soldi devono andare prima a Kinshasa». 

Tchomia è lo specchio fedele del Paese: diamanti, oro, coltan e ora anche petrolio non portano nulla alla popolazione, se non guerra e tensioni. Bavi e gli altri due medici e 22 infermieri di Tchomia combattono disarmati contro il colera, e contro malaria, tubercolosi, gastroenteriti, Aids, malnutrizione, sofferenze fetali, violenze... Non ci sono medicine, non c'è il reparto rianimazione, manca un aspiratore per il sangue. «Da un anno e mezzo le Ong non hanno più inviato i fondi per i medicinali e da un anno non ci sono i soldi per gli stipendi, che dovrebbe pagare il governo». Débrouillez-vous, arrangiatevi, è il 15esimo articolo della Costituzione congolese, l'unico non scritto e l'unico che tutti conoscono. Bavi, come il manipolo di medici che lavora a Bunia, Lita, Drodro, Mongbwalu, nelle città e nei villaggi dell'Ituri, deve arrangiarsi. Le prime vittime: donne e bambini. Qui la mortalità infantile è un dato crudo: 408 bambini su mille muoiono nei primi mesi di vita. Arrangiatevi.

2 commenti:

  1. Ecco, "arrangiatevi" è proprio quello che tutti i giornini sento rimbombare nelle orecchie.
    Sono dati, sono numeri, il problema è che nessuno dico nessuno ne vuole parlare. Ho trovato , per esempio, il tuo blog con un post che parla di come vive una parte dell'umanità, ma non molti purtroppo si scandalizzano per tutto questo scempio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io questo articolo l'ho letto sull'Espresso giornale, ma mi ha talmente impressionato che è stato lo spunto per la sezione degli scempi. E questo si che lo è. Quando vedo questi esseri umani che lottano per un bicchiere acqua non infetto guardo i miei bambini e penso: è solo fortuna se noi siamo qui e loro sono lì.

      Elimina

CIAO, DIMMI A COSA PENSI...◕‿◕

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...